Attualità,  Curiosità,  Travel,  Varie

Rocchetta Sant’Antonio, un borgo pugliese da scoprire…

ARTICOLO A CURA DI AMLETO GUARINO – Un viaggio alla scoperta dei Monti Dauni è un’esperienza di arricchimento non solo culturale, ma anche spirituale. Rocchetta Sant’Antonio (Foggia) è la terra dei vini, degli asparagi, della convivialità, dei monumenti da scoprire, delle persone da conoscere. Non ci sono parole per descrivere la bellezza di questa terra incontaminata.

La storia

Rocchetta Sant’Antonio sorge nel X secolo, territorio conteso per la sua posizione strategica dai Bizantini e dai Longobardi nel VI secolo. Il borgo fu eretto dai Normanni nel 1083, ma poi distrutto dal terremoto del 1456. La parte medioevale del borgo, che sorge sull’altura, ha una chiesa dedicata all’Assunzione della Beata Vergine Maria, eretta tra il 1754 ed il 1768, opera dell’ingegnere Giovanni Mancarelli di Barletta, a lato c’è il Castello d’Aquino fatto edificare da Ladislao II D’Aquino.

La struttura architettonica ed urbanistica del borgo 

Il borgo colpisce l’attenzione del viaggiatore per gli edifici medioevali e quelli rinascimentali, c’è una grande atmosfera di relax che si respira passeggiando per le stradine interne del borgo.  Il periodo estivo è l’ideale per fare una breve o lunga escursione, passeggiando per le viuzze ed assaggiando del buon vino, con i prodotti tipici. Non a caso, ho amato fin dal primo istante la buonissima “frittata agli asparagi” preparata dalla Pro-Loco di Rocchetta, in occasione della Festa dell’Asparago.  Buona visione…  Reportage fotografico di Amleto Guarino
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Commenti disabilitati su Rocchetta Sant’Antonio, un borgo pugliese da scoprire…

Enza Angela Massaro è laureata in sociologia, con curriculum socio-antropologico presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Giornalista pubblicista su Nano Tv e Vox News. Blogger Fanpage, sito personale www.respirandorosa.it. Coordinatrice e presentatrice per eventi culturali e presentazioni di libri. Scrive di attualità e cronaca. Si dedica alla lettura di saggi di psicologia e alla visione di film noir. Decisamente una fiera anti-conformista, contro i sistemi di pensiero strutturati e le mentalità chiuse.