Moda

Gli orologi d’epoca, un nuova tendenza da provare come braccialetti…

L’orologio, si sa, è un oggetto “estetico”, che sia versatile o lussuoso, riesce sempre a trasmettere alla persona che lo indossa uno status symbol che va ben oltre la sua mera funzione, che è quella di scandire il tempo. Esistono in commercio svariate forme, da quella tonda e classicheggiante, a quella squadrata e moderna. Ci sono diversi modelli, come quelli “a cipolla” risalenti alla Seconda Metà dell’Ottocento, quando le scoperte scientifiche erano la novità del secolo. Gli orologi d'epoca, un nuova tendenza da provare come braccialetti... Allora, erano privilegiate le forme rotonde con una cassa che faceva da scrigno legato ad una catenina appoggiata al collo, le donne lo indossavano come una collana, segno di distinzione e di classe fino agli inizi del Novecento, quando a prevalere erano le linee sobrie e sottili… Le donne degli Anni Venti erano solite indossare degli orologi dallo stile minimal e chic. Piccoli bracciali aderenti ai polsi, composti da oro, argento o perfino velluto e stoffa. La “cassa risonante” dell’orologio era composta da una piccola sfera che conteneva al suo interno un meccanismo automatico che prevedeva lo scandire delle ore. Le lancette dei minuti e dei secondi erano quasi impercettibili. Un orologio che ancora oggi ritorna di moda, ma che si avvale di elementi decorativi, che a volte storpiano con la sobrietà dell’epoca. [gallery size="medium" ids="5795,5797,5798"] La vita moderna si è arricchita di mutamenti sempre più complessi che hanno poi riportato in auge il mito della forza e della predominanza. La moda si è adattata al concetto di individualismo e così dagli Anni Settanta fino ai giorni nostri, l’orologio ha incarnato valori ed espresso bisogni di una società in continua affermazione, dove l’Ego cerca la sua identità manifestata con oggetti dalle forme imponenti e sfarzose. Oggi predominano dei Rolex dalle linee imperanti, così come tanti altri brand che producono orologi con quadranti molto grandi che forse staranno pur bene sui polsi maschili, ma su quelli femminili non calzano proprio a pennello.  

Una nuova tendenza: l’orologio bracciale…

Io propongo una rivalutazione del vintage, in un’ottica moderna. Sfido chiunque a cercare nei propri oggetti di valore un orologio antico, poco importa il valore intrinseco e riusarli. Metterli a nuovo sarebbe una sfida contro il tempo o al contrario far rivivere determinate epoche. Il più delle volte, succede che certi orologi col passare degli anni non sono più funzionanti. Per farli riparare, spesso, è richiesta una quantità  di denaro eccessiva, e sicuramente penseremmo che sarebbe opportuno comprarne uno nuovo… Ma se invece utilizzassimo i nostri stessi orologi vintage (anche non funzionanti) come dei bellissimi oggetti estetici? Un orologio Anni Venti potrebbe tranquillamente trasformarsi in uno splendido bracciale sui generis dal valore inestimabile. Sarebbe un pezzo unico, che fa tendenza. L’eleganza, ricordate, è la capacità di distinguersi dalla massa… Chi è alla ricerca del particolare, dovrebbe tener in mente questa regola universale. E tu, ci avevi mai pensato ad usare i tuoi vecchi orologi come bracciali abbinandoli ad altri che usi regolarmente? Che ti importa se alcuni non sono funzionanti? Io direi che un tentativo lo si potrebbe fare. Prendi esempio da me… [caption id="attachment_5789" align="aligncenter" width="2100"] A sinistra, orologio femminile Vidor (1922), a destra orologio Didofà (2015)[/caption]  
Condividi su
  • 14
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    14
    Shares

Enza Angela Massaro è una giornalista pubblicista, laureata in Sociologia presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Lavora come docente di sociologia e comunicazione presso enti di formazione e nel tempo libero si dedica alle sue due passioni: la moda e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

13 + diciassette =

WordPress spam blocked by CleanTalk.