Emozioni

Ognuno di noi ha la propria isola di felicità… Da tutelare!

La vita non sempre ci regala le cose che vogliamo al momento opportuno, anzi spesso dobbiamo lottare anche per la soddisfazione dei bisogni primari. Appagati questi, poi emergono quelli di affiliazione, che si rivelano fondamentali per il nostro benessere psico-fisico. Sentirsi protetti equivale ad affrontare con forza e determinazione ogni aspetto della vita. Ogni giorno trascorso insieme a chi ci fa sentire “a casa” passa meglio, rispetto a quando percepiamo tanta ostilità intorno. Quando questo bisogno di protezione e tenerezza non viene soddisfatto, allora ricorriamo a dei sistemi per ottenerlo. In psicologia, si definiscono “strategie coping” messe in atto per superare lo stress causato dalla mancanza di serenità mentale. Quando viviamo a lungo momenti di “aridità” intorno a noi, dove la solitudine sembra regnare sovrana, l’anima pare ammalarsi. Ognuno di noi ha la propria isola di felicità... E’ proprio così. Siamo più fragili e ci sentiamo persi, ma proprio in questi momenti appare qualcuno nella nostra vita che ci cambia il nostro modo di stare al mondo, regalandoci presenza. Ciò che rende speciale una persona è il tempo che questa decide di darci, fino alla fine. Il tempo è una risorsa preziosa, che non può essere ceduta a tutti e necessita di essere impiegata bene.
E tutti guardavano la nave partire, all’orizzonte scomparire, e tutti restavano, senza parole…  Dicono che tornerà a prenderci, qualcuno tornerà… Dicono che sarà…
Ognuno di noi ha la propria isola di felicità... L’isola della felicità è la metafora della persona che ci ha cambiato la vita, e chi l’ha avuta o ce l’ha ancora, sa a cosa mi sto riferendo, chi invece ancora non l’ha trovata, un giorno potrà dirmi che si tratta di un incontro unico. Esperienza forte e meditativa, irreversibile che ci trasforma e se da un lato ci fa crescere, può anche rivelarsi distruttiva quando le emozioni non sono più domabili… Quella sensazione quando la mente, il corpo e l’ anima sono completamente allineati e tutto procede semplicemente seguendo un incastro perfetto… La persona giusta. Molti la chiamano così, io preferisco definirla “isola della felicità”. C’è chi è fortunato e ha con sé l’isola della felicità come tappa quotidiana, chi invece può viverla solo per poco tempo, chi per varie ragioni di natura avversa deve abbandonarla. Spesso, riconoscere questi incontri non è facile, si camuffano in amicizie di vecchia data o in rapporti conflittuali che poi sfociano in intese perfette o in amori eterni, anche se non vissuti per sempre insieme… Altre volte, degli incontri così casuali, così improbabili possono dettare le ragioni della nostra felicità. Ciò che favorisce l’intesa è l’attrazione è anche un mix di componenti avverse, come scarse risorse a disposizione: il tempo, i luoghi di incontro, la possibilità di lasciarsi andare, la presenza di un avversario. L’isola si forma, dopo lo scoppio di un vulcano, così la persona giusta compare sempre dopo una profonda crisi…   Ognuno di noi ha la propria isola di felicità... “Sono stato almeno cento volte sul punto di buttarle le braccia al collo! Lo sa Dio che cosa significa vedersi circondato da tanta grazia e non poterla afferrare?” (dal libro “I dolori del giovane Werther” di Johann Wolfgang von Goethe) Nel corso del tempo ho capito che questi incontri trasformano la nostra essenza e ci regalano delle emozioni profonde a tal punto da non riuscire a tornare indietro e ogni passo sarà fatto nella consapevolezza di essere parte di un sistema cosmico ad elevate vibrazioni. E’ un lungo viaggio che dovremmo vivere con la giusta sensibilità evitando di incorrere in sistemi di dipendenza, perché l’isola della felicità non riconosce emozioni come la gelosia. La possessività distrugge ogni legame, badate a tutelarli i rapporti… Prima di fare il viaggio da soli.
Condividi su
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares

Enza Angela Massaro è una giornalista pubblicista, laureata in Sociologia presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Lavora come docente di sociologia e comunicazione presso enti di formazione e nel tempo libero si dedica alle sue due passioni: la moda e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 × 1 =

WordPress spam blocked by CleanTalk.