Cinque modi per dire Thanks! Aba English docet…

5 modi per dire Thanks

“Grazie”, una delle parole più usate e fondamentali in qualsiasi lingua, in inglese si traduce con il classico “thank you”. Ci sono diversi modi per ringraziare nella lingua di Shakespeare, alcuni dei quali molto noti: “thanks” se si vuole essere più informali, “thanks a lot” o “thank you very much” se si è davvero molto grati.

In ogni lingua ringraziare è un segno di educazione, ma in inglese lo è ancora di più, come ci ricorda l’espressione“Gratitude is the sign of noble souls” (letteralmente la gratitudine è segno di un animo nobile). Per questo, ABA English, scuola online di inglese con oltre 15 milioni di studenti in tutto il mondo, vi svela 5 modi meno noti per ringraziare in inglese come un vero madrelingua.

 

1. “Ta”

Parola strana a prima vista, perché formata solamente da due lettere, si usa in alternativa al semplice “thank you”. Questo breve modo di esprimere la propria gratitudine è originario della Scozia e si usa solo nel Regno Unito. Una curiosità? Se ripetuta due volte (“ta ta”), cambia di significato e vuol dire “arrivederci” invece di “grazie”.

Esempio: “Ta for making me a cup of tea, mum”. (Grazie per avermi preparato una tazza di tè, mamma).

 

2. “Cheers”

Una parola molto conosciuta, non si usa solo per fare un brindisi ma anche per esprimere gratitudine in forma colloquiale. È molto comune in Regno Unito e in Australia, meno negli Stati Uniti, anche se chiunque la usi verrà capito in tutto il mondo anglofono.

Esempio: “I just want to say cheers to everyone for coming along to the pub to celebrate my birthday with me”. (Voglio ringraziare tutti per essere venuti al pub a festeggiare il mio compleanno in compagnia).

 

3. “Much obliged”

Sicuramente non avete mai detto “much obliged”, né l’avete mai sentito usare. Nulla di cui allarmarsi: semplicemente, quest’espressione di gratitudine non è molto comune. Proprio per questo, il suo utilizzo attira l’attenzione dell’ascoltatore. È un’espressione colta e un po’ posh, molto in voga tra l’aristocrazia britannica. La si raccomanda soprattutto a chi vuole passare per un lord o è un assiduo frequentatore di teahouse georgiane.

Esempio: “He was much obliged for the award”. (Era molto grato per il premio).

 

4. “You’re a lifesaver”

Può sembrare un modo un po’ eccessivo di ringraziare qualcuno, ma l’espressione in realtà è molto usata in inglese, soprattutto quando si vuole esprimere gratitudine per un favore ricevuto. Equivale all’italiano “mi hai salvato la vita”, e la si raccomanda a chiunque preferisse usare parole di largo utilizzo tra i madrelingua.

Esempio: “You’re a lifesaver for taking me to the airport because if you hadn’t, I would have missed my flight”. (Mi hai salvato la vita accompagnandomi all’aeroporto, perché altrimenti avrei perso il volo).

 

5. “I appreciate it/that”

Se qualcuno ti aiuta e un “thank you” ti sembra poco, l’espressione che fa al caso tuo è “I appreciate it”, letteralmente “Lo apprezzo”. In questo caso, il pronome “it” si riferisce all’azione per cui si sta ringraziando. È una formula molto usata nel mondo del lavoro e in situazioni formali: un ottimo modo per fare colpo sul vostro capo!

Esempio: “All your help when moving house was amazing, I really appreciate it” (Il vostro aiuto durante il trasloco è stato fantastico, lo apprezzo molto).

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *