Benessere

Cosa sogna una donna libera? Ballare…

Cosa sogna una donna libera? Ballare! Ve lo siete mai chiesti? Quando si sveglia la mattina, cerca l’armonia tra i suoi pensieri e le sue azioni. Molto probabilmente quest’equilibrio è  molto difficile da trovare, soprattutto quando è sola e indipendente e ricerca spiragli di sicurezza in qualcosa che la faccia sentire “a casa”. Una donna libera affronta la giornata partendo, in primis, da se stessa: oltre alla routine quotidiana, si concede degli spazi di pensieri autonomi, di scelte non condizionate da nulla, se non dal suo volere. E questa è la prima parte del lavoro che fa su se stessa.  Ma veniamo al dunque: quante donne giovani, oggi sono libere ed autonome? Molte, probabilmente davvero poche. Allora, si rievoca il mito della donna “sexy e povera” che magari ha tutte le caratteristiche per emergere, ma non ha quel budget che la renda autonoma da viaggiare e fare le scelte più consone alla sua vita e seguire le inclinazioni che rispecchiano la sua personalità. L’impossibilità di tradurre in azione il suo desiderio si trasforma in castrazione, in repressione, in sofferenza latente o manifesta. E tutto crolla, l’autostima, le relazioni, gli amori, le amicizie. Se il centro della persona è la volontà, allora bisogna azionarla per bene. Ecco che parte la sua straordinaria ascesa verso l’indefinibile, dove non ha più certezze di nessun tipo e preferisce l’indefinito alla sicurezza, la sfida, alla protezione. E per fare scelte importanti, purtroppo, si devono fare rinunce altrettanto difficili. Ma per trovare la forza, una donna dovrà prima o poi accettare che lei sarà il suo unico punto centrato. Il suo vigore, la sua bellezza, il suo essere libera verrà fuori proprio da qui. Ci saranno momenti di fasi alterne, di serenità e consapevolezza o di rabbia e distruzione. In ogni caso, esprimersi in tutti gli aspetti è sempre la chiave per la libertà. Per far si che ritorni l’equilibrio, allora diventa necessario recuperare ogni energia, il cervello si ammala se non viene stimolato da pensieri nuovi, ma per farlo, il corpo deve essere pronto all’azione. Se cerchi un rimedio allo stress, puoi leggere quest’articolo “Tutto ciò che c’è da sapere sullo stress” E in questo caso, l’energia nascosta risieda in una disciplina antica: la danza. Ballare, escogitare, vivere, sorprendere e realizzare la vera immagine di se stessa. L’importanza di ballare da sole nella propria camera è davvero sorprendente. Si tratta di una vera forma di autoanalisi, capire come attraverso i gesti, le movenze, la capacità di sciogliersi e lasciarsi andare, riusciamo a sentire il nostro corpo.
Ci sono situazioni paralizzanti e bisogna evadere dal corpo per ritrovare la propria centratura, con dei lavori sul proprio pensiero… ma superato questo blocco, Il corpo diventa una “conseguenza” in movimento naturale!
Consiglio sempre alle donne che vogliono liberare e far vibrare le proprie emozioni di iniziare a guardarsi allo specchio a figura intera, indossare dei leggins e provare a fare smorfie, facce strane, oppure stare tanto tempo ad osservarsi negli occhi e capire che cosa provano, poi l’autodisciplina diventa libertà di movimento e allora capita che con un po’ di musica, diventa molto più semplice ballare e lasciarsi andare. Quindi, per ritornare a noi, le donne libere sono quelle che ritrovano la loro energia e affrontano il quotidiano a testa alta, non pensando ad altro che centrare le basi della loro personalità.
Le donne libere sanno ballare da sole, ignorando chi possa guardarle di nascosto.
 
Condividi su
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

Enza Angela Massaro è una giornalista pubblicista, laureata in Sociologia presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Lavora come docente di sociologia e comunicazione presso enti di formazione e nel tempo libero si dedica alle sue due passioni: la moda e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

cinque × cinque =