Attualità

Vivere e trasferirsi in Canada: ecco da dove partire

In tempi di crisi, il pensiero comune di giovani che non trovano un lavoro o di coloro che ce l’hanno ma sono insoddisfatti è quello di poter emigrare verso paese che non risentono dell’arresto finanziario, ma risulta non sempre facile, riuscire a trovare la meta ideale, sia perché non è facile emigrare, se non con opportuni requisiti, sia perché non è detto che il paese da noi scelto sarà poi attinente a noi.

Tra le varie mete più ambite, troviamo Il Canada si trova al secondo posto dopo l’ Australia.

Il Canada è ricco di risorse naturali e a differenza degli Stati Uniti non è stato travolto dalla bolla del mercato immobiliare. Ha una popolazione inferiore ai 34 milioni di abitanti e un prodotto interno lordo di circa 1,44 migliaia di miliardi di dollari. Trasferirsi in Canada significa partire da una condizione di successo e benessere a priori. Uno strano mondo per noi, ma vale la pena di entrare nel dettaglio su quali siano le modalità e i protocolli da seguire per sbarcare il lunario in questo grande stato nord americano.

Ecco una panoramica standard delle varie procedure da seguire:

Step 0 – Identificare la propria qualifica attraverso il NOC

Se non l’avete già fatto, da lavoratore qualificato è necessario identificare il vostro codice NOC, un numero a 4 cifre che identifica univocamente la vostra professione all’interno del sistema lavorativo Canadese. A questo link la lista delle 520 occupazioni in Canada.

Step 1 – Who can apply – Chi può fare domanda

Un passo fondamentale per poter fare domanda di immigrazione permanente come lavoratore qualificato, se NON siete in possesso di un’offerta di lavoro, è assicurarsi che il proprio NOC appartenga alla lista degli skills richiesti dal mercato del lavoro Canadese ed obbligatorio ai fini dell’eleggibilità all’immigrazione in Canada. In pratica il Governo Canadese richiede almeno un anno di lavoro continuativo, regolarmente retribuito, in almeno una delle professioni qui elencate (as of July 1, 2011):

  • 0631 Restaurant and Food Service Managers
  • 0811 Primary Production Managers (Except Agriculture)
  • 1122 Professional Occupations in Business Services to Management
  • 1233 Insurance Adjusters and Claims Examiners
  • 2121 Biologists and Related Scientists
  • 2151 Architects
  • 3111 Specialist Physicians
  • 3112 General Practitioners and Family Physicians
  • 3113 Dentists
  • 3131 Pharmacists
  • 3142 Physiotherapists
  • 3152 Registered Nurses
  • 3215 Medical Radiation Technologists
  • 3222 Dental Hygienists & Dental Therapists
  • 3233 Licensed Practical Nurses
  • 4151 Psychologists
  • 4152 Social Workers
  • 6241 Chefs
  • 6242 Cooks
  • 7215 Contractors and Supervisors, Carpentry Trades
  • 7216 Contractors and Supervisors, Mechanic Trades
  • 7241 Electricians (Except Industrial & Power System)
  • 7242 Industrial Electricians
  • 7251 Plumbers
  • 7265 Welders & Related Machine Operators
  • 7312 Heavy-Duty Equipment Mechanics
  • 7371 Crane Operators
  • 7372 Drillers & Blasters – Surface Mining, Quarrying & Construction
  • 8222 Supervisors, Oil and Gas Drilling and Service

Step 2Self-assessment Test

Una volta stabilito che la propria professione appartiene alla lista delle 29 qualifiche ricercate qui in Canada, si puó procedere al passo successivo che consiste nel valutare i propri skills in termini di punteggio. Ricordo che il processo di immigrazione in Canada si basa su un sistema di punteggi che vede un requisito minimo di 67 punti su 100, stabiliti su 6 fattori di selezione. Premetto che il test chiede anche il livello di conoscenza delle lingue: Francese ed Inglese, è ovvio che, da questo punto di vista, è solo indicativa la selezione, in quanto la vostra reale conoscenza sarà poi valutata attraverso gli esami di IELTS e TEF. Vi rimando a questo link sul sito del CIC per il test.

Step 3 – I documenti da compilare

Una volta stabilito che professione e punteggio rientrano nei criteri di eleggibilità all’immigrazione si puó passare alla compilazione di tutta la documentazione necessaria ed al successivo invio. A questo link troverete, a fondo pagina, una serie di link che vi apriranno documenti in formato PDF da compilare online e stampare.

Fees –

I costi per poter fare domanda sono riportati nella seguente tabella, variano in base al numero di persone incluse nella domanda:

Principal applicant

$550

A family member of the principal applicant who is 22 years of age or older, or is less than 22 years of age and is a spouse or common-law partner

$550

A family member of the principal applicant who is less than 22 years of age and is not a spouse or common-law partner

$150

Per una lista completa di tutti i costi da affrontare durante il processo di immigrazione si puó visitare da questo link il sito del CIC.

Step 4 – Invio della documentazione

Ad oggi il costo della domanda (principal applicant) è di 550$ o 335€, al link è possibile avere una lista di tutti i costi previsti per i vari servizi di cui il CIC si occupa (è il sito in italiano). Come precisa il sito del CIC:

  • L’Ambasciata del Canada a Roma non accetta pagamenti tramite CARTA DI CREDITO.
  • L’Ufficio Visti dell’Ambasciata del Canada a Roma non accetta pagamenti in contanti, fatta eccezione per la somma esatta del pagamento richiesto, in dollari canadesi e se versata di persona.

Step 5 – l’attesa!

Questo è il passo più difficile da accettare e direi anche quello che sembra interminabile! Aiuta a prepararsi psicologicamente ad un importante cambiamento di vita, nel bene e nel male; ed anche ad organizzarsi in questo senso.

Oggi immigrare in Canada è molto più complesso di quanto non lo fosse 5/10 anni fa. Solo 10,000 lavoratori qualificati riescono ad immigrare in Canada ogni anno, con un massimo di soli 500 per ogni categoria ricercata. Superare un processo di immigrazione così rigido e restrittivo è diventato oggi un enorme traguardo…

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Enza Angela Massaro è una giornalista pubblicista, laureata in Sociologia presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Lavora come docente di sociologia e comunicazione presso enti di formazione e nel tempo libero si dedica alle sue due passioni: la moda e la fotografia.

11 Comments

  • Doxenya

    Ciao Carlo, io tutto quello che so l’ho scritto in questo post! Di più non posso dirti perché non mi sono trasferita, però ti consiglio di navigare su Internet e magari di chiedere ad agenzie specifiche, spero che il mio articolo un po’ti abbia aiutato 😉

  • Doxenya

    Ciao Carlo, io tutto quello che so l’ho scritto in questo post! Di più non posso dirti perché non mi sono trasferita, però ti consiglio di navigare su Internet e magari di chiedere ad agenzie specifiche, spero che il mio articolo un po’ti abbia aiutato 😉

  • tommaso

    Ciao a tutti sono un Appuntato dei Carabinieri, fra tre anni andrò via in pensione, quindi vorrei tanto andare a vivere in Canada con mio figlio conosco la lingua Francese. aspetto che mio figlio si diplomi in grafica Pubblicitaria…visto che qui in Italia le prospettive sono negative, vorrei un futuro migliore per lui. Penso che anch’io avendo 51 anni potrò dedicarmi a trovare un lavoro in Agenzia Investigativa o simili….Ci sono delle possibilità grazie…

  • tommaso

    Ciao a tutti sono un Appuntato dei Carabinieri, fra tre anni andrò via in pensione, quindi vorrei tanto andare a vivere in Canada con mio figlio conosco la lingua Francese. aspetto che mio figlio si diplomi in grafica Pubblicitaria…visto che qui in Italia le prospettive sono negative, vorrei un futuro migliore per lui. Penso che anch’io avendo 51 anni potrò dedicarmi a trovare un lavoro in Agenzia Investigativa o simili….Ci sono delle possibilità grazie…

  • Doxenya

    Salve Tommaso, io ho scritto un semplice articolo sull’argomento. Non saprei con precisione cosa le occorre, le consiglio comunque di visitare siti come http://www.lavoroall‘estero.com dove può avere maggiori info da coloro che sono già partiti. In linea di massima, dovrebbe trovare il lavoro che le occorre con minore difficoltà rispetto all’Italia! Le auguro un in bocca al lupo 🙂

  • Doxenya

    Salve Tommaso, io ho scritto un semplice articolo sull’argomento. Non saprei con precisione cosa le occorre, le consiglio comunque di visitare siti come http://www.lavoroall‘estero.com dove può avere maggiori info da coloro che sono già partiti. In linea di massima, dovrebbe trovare il lavoro che le occorre con minore difficoltà rispetto all’Italia! Le auguro un in bocca al lupo 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

16 + sei =

WordPress spam blocked by CleanTalk.